Sold out per il primo convegno su San Giovanni Bosco

lunedì 23 settembre 2013

Oltre 500 le persone presenti provenienti non solo da Santeramo, ma anche da numerosi paesi limitrofi.

Non poteva aprirsi in maniera migliore il periodo in preparazione alla visita dell'urna contenete reliquie di San Giovanni Bosco.

 

Al convegno presieduto dal Vescovo della Diocesi Altamura-Gravina-Acquaviva delle Fonti, S.E. Mons. Mario Paciello, dal vicario episcopale per la pastorale, don Mimmo Giannuzzi, dal padrone di casa, il direttore dell'istituto salesiano di Santeramo, don Giovanni Monaco e dal relatore principale, il salesiano e scrittore, don Bruno Ferrero, hanno preso parte oltre 500 persone provenienti non solo da Santeramo, ma anche da numerosi paesi limitrofi. Sarà stata la presenza di relatori di grande spessore o la reale esigenza di una linea educativa nuova e concreta, ma l'afflusso di così tante persone di ogni età ha meravigliato tutti.

 

Don Bruno Ferrero ha saputo incantare per oltre un'ora i presenti scorrendo la pedagogia e la spiritualità di don Bosco sul tema "Educatori credenti e credibili" con aneddoti semplici e concreti che, come ha commentato il Vescovo in conclusione, "come un'arpa hanno toccato le corde del cuore". Ed è stata palese la partecipazione emotiva del pubblico che con sorrisi e lacrime ha accompagnato il sacerdote salesiano nel suo intervento.

 

L'evento si è svolto all'interno della tensostruttura installata nel campo dell'oratorio salesiano al fine di accogliere al meglio le manifestazioni in onore del Santo e svolgere con maggiore comodità le funzioni religiose al momento dell'arrivo dell'urna. Nello stesso luogo prenderà vita mercoledì 25 settembre alle 20.30, lo spettacolo intitolato "Don Bosco: la forza di un sorriso", interpretato da Gianpiero Perone e Marco Anzovino. In maniera brillante i due artisti ripercorreranno la vita del Santo dei giovani. In mattinata lo stesso spettacolo sarà presentato ai ragazzi delle scuole secondarie di primo grado del paese.

 

Eventi simili non interessano solamente la comunità organizzatrice, in questo caso quella salesiana, ma interrogano l'intera società santermana credente o meno. La necessità di saper educare è segno di civiltà e nessuno è esule da tale compito. D'altronde, come diceva San Giovanni Bosco, "l'educazione è cosa di cuore...".

 

FONTE: www.santeramolive.it

 

Torna all'archivio

Eventi

loading eventi

News ANS

Newsletter

Mantieniti aggiornato, ricevi le nostre news